Antonella che passeggia per il Parco.

Foto di Elisa Biagi

Foto di Elisa Biagi

La incontri spesso girando per il parco, magari mentre prendi un caffè al Posto delle Fragole. Antonella a San Giovanni ci era entrata da adolescente. Antonella che ti prende per il braccio e ti accompagna da qualche parte, fra le rose, oppure in bar per farsi offrire un caffè. Antonella che non usa parole ma ti parla con i sorrisi. Il parco, i viali, il bar, le scale sono la sua casa, le persone che incontra che le vogliono bene. Sono il suo mondo.

Te ga una sigareta”, chi non se l’è sentita chiedere da Flavio, e chi non l’ha visto venir mandato via dal Posto delle Fragole quando diventava troppo insistente. Si perché non era un paziente, era un vicino e andava trattato come tutti.

A San Giovanni incontravi Ferdinando , che ha fatto tutto il giro dei manicomi italiani: nessuno lo voleva. Poi è arrivato a Trieste e si è fermato. Ferdinando il matematico che attraverso il tuo nome, il nome dei tuoi genitori, le tue e le loro date di nascita, riesce in matematica laddove nessuno di noi può arrivare. Ferdinando che torna a casa in macchina , quando termina di raccontare a tutti gli ascoltatori il suo mondo, su Radio Fragola nella trasmissione Escuchame.

Era il suo mondo, uso il passato. Ora Ferdinando cosa vede fuori dalla finestra? Perché Flavio scende di casa ed è in Viale ed alla Luminosa? E dove finirà Antonella?

Luciano, cui ogni giorno un’anima bella regala un giocattolino, gira ancora per il Parco. Per quanto ancora? Dove andrà?

Alcuni sono già stati spostati, in silenzio, tolti da quella che era lo loro vita quotidiana., altri lo saranno a breve. Racconteranno che così si completa la chiusura del manicomio. Ma il manicomio non c’era più, quello era il loro mondo fatto di spazi e di persone. Era la loro memoria, erano le cose conosciute.

Ci sono tante domande che ad ora non hanno risposta. Se sono cosi fieri di svuotare il manicomio dalle persone che ci abitavano perché tutto è stato fatto in silenzio? È stato chiesto ad Antonella, Ferdinando ed agli altri se volevano spostarsi? Sono stati trattati da persone e non da pazienti? I parenti sono stati consultati? Gli operatori saranno gli stessi, quelli cui oramai erano abituati?
Ci sono poi domande più scorrette. Chi ha deciso tutto questo? Quanto costeranno le nuove “sistemazioni”? Quanto valgono gli immobili lasciati liberi ed a chi servivano?

A ottobre del 2014 mi aveva colpito una presentazione, a San Giovanni, di un libro sulla storia di quanto successo nel comprensorio. Nell’occasione si invitarono a leggere dei brani il Sindaco, la Presidente della Provincia, Assessori, Direttori, dirigenti di Confindustria e ConfCommercio. Nessun “matto”, tutti “normali”. Ecco ora con quest’ultima operazione non saranno più neanche tra i piedi.

Abbiamo voluto rendere pubblica questa notizia perché crediamo che si possa far qualcosa, di più importante del fallito tentativo di dedicare una Via a Basaglia, o il successo nel salvare una scritta. Proprio la scritta ci ricorda che “La verità è rivoluzionaria”. Raccontarla e farla girare magari servirà a far rimanere Luciano, a rincontrare Antonella, a mandare a quel paese Flavio quando insiste troppo, a far far conti a Ferdinando.

Erika Cei
Fulvio Rogantin

Advertisements
This entry was posted in Trieste. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s