20 ottobre 1904. Finalmente James e Nora arrivano a Trieste.

La nostra bella Trieste! I have often said that angrily but tonight I feel it true. I long to see the lights twinkling along the riva as the train passes Miramare. After all Nora, it is the city that sheltered us. I came back to it jaded and moneyless after my folly on Rome and now again after this absence.

JIM

[Lettera a Nora, 7 settembre 1909]

noraVi ho raccontato ieri come l’arrivo, per la prima volta, a Trieste, fosse previsto per il giorno prima e come James e Nora passarono la notte al parco essendo scesi dal treno alla stazione sbagliata. Arrivano così il mattino del 20 ottobre 1904. La prima giornata triestina di James e Nora si svolge in una zona ristretta, per James attorno alla Via San Nicolò, per Nora, per non perdere l’abitudine, in un “parco”.  Risulta difficile pensare ad un parco, come viene descritto nei racconti della giornata, si può piuttosto pensare che Nora passò gran parte della giornata nel giardino di Piazza Grande (ora Piazza dell’Unità d’Italia, ma allora era Austria) in attesa che James tornasse.

Lo scrittore, lasciata Nora ad aspettarlo si dirige verso il numero 32 di Via San Nicolò, la sede triestina della Berlitz School dove, secondo quanto gli avevano detto a Zurigo, ci sarebbe stato un posto da insegnante di Inglese. Passerà la mattinata, invece al numero 2 della stessa via. Ma andiamo con ordine.

piazzaIn Piazza Grande James incrocia tre marinai inglesi, arrivati in porto con una nave, che, ubriachi stavano per essere arrestati. Si offre, non si sa se per solidarietà tra inglesi o tra “amanti” del bere, di accompagnarli alla stazione di Polizia per fare da traduttore. Arrivato alla stazione, all’inizio della Via San Nicolò, finisce anche lui in cella. Interviene il console che invece di aiutarlo si dice sicuro che James faccia parte del gruppo dei marinai o che, in ogni caso, se era arrivato dall’Inghilterra fino a Trieste, sicuro aveva lì commesso qualche cosa da cui stava fuggemdo.

joyceViene liberato dopo un paio d’ore e, bontà sua, va a recuperare Nora e insieme si recano alla scuola dove scoprirà che il posto in realtà non esiste per cui dieci giorni dopo “sposerà” Nora, ma questa ve la racconto un altro giorno, e partirà per Pola.

Alla fine Nora e James raggiungono al 15, sempre di Via San Nicolò, l’albergo Central dove passeranno la loro prima notte triestina.
Trieste, per undici anni, sarebbe stata la loro città.

Advertisements
This entry was posted in James Joyce, Trieste. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s