I 43 secondi che fanno trovare posto in Osmiza. Limiti di velocità a Trieste

casrtTaiemo che femo prima“. Queste sono le parole magiche che il triestino medio pronuncia, chiuso nella sua auto, una volta che sbuca, salendo da Strada del Friuli, nell’abitato di Prosecco, recandosi verso Rupinpiccolo, probabilmente per sedersi al tavolo di un’osmiza.
Tale scena si consuma anche quando, sazio, riprende la strada di casa.
La scorciatoia è nel DNA dell’automobilista triestino, probabilmente dell’automobilista in genere. Prendere la scorciatoia è da furbi, da chi conosce ogni angolo del posto dove vive.
Le scorciatoie poi sono normalmente strette e difficilmente percorribili per cui succede anche che la domenica ci siano molti furbi che accorciano la strada verso gli agognati cevapcici, per cui si ritrovano imbottigliati, ma è un’altra storia.

Oggi il Piccolo titola:  “Prosecco diventa borgo lumaca. Limite a 20 all’ora“.
Succede che una delibera comunale, che troverà attuazione in autunno, stabilisce che all’interno del borgo di Prosecco, composto da stradine ci sarà un limite di 20 Km all’ora e che ci saranno limitazioni sul traffico dei mezzi pesanti, perchè la regola del “taiemo” è nel DNA anche dei trasportatori. L’articolo spiega anche che la decisione è stata condivisa con chi nel borgo vi abita e che evidentemente non trovava sicuro che le macchine potessero passare a 50 all’ora o che passassero mezzi pesanti.

Apriti cielo. Le reazioni dei lettori non si fanno attendere:
Per andare a 20 km/h bisogna mettere la prima e probabilmente molti motori si spegneranno, costringendo a riavviarli, con maggior consumo di benzina e quindi maggior inquinamento. Ci saranno incolonnamenti che aumenteranno l’inquinamento.
Se nemmeno i Ducato possono accedere, eventuali attività commerciali dovranno chiudere, non potendosi rifornire…
Fanculo, la mia moto soffri a quella velocità, ma stochez che vado a 20 all’ora per de là, diocaro
Femo prima sburtar la macchina, visto che xe redicolo 20 a l’ora.
Ipocriti e ridicoli! a 20 all’ora si crea un traffico e uin inquinamento mostruoso

Ma di cosa stiamo parlando? Come al solito quando qualcuno non capisce si può fare un disegno, ecco la mappa delle strade oggetto del terrificante intervento.

In tutte le strade segnate con la riga continua il limite di carico per i veicoli sarà di due tonnellate, mentre nelle sole zone a riga blu continua ci sarà il limite a 20 Km all’ora.
Ho segnato con dei punti gialli i limiti delle provinciali che si possono percorrere con il limite a 50.

prosecco
Vale la pena fare qualche calcolo. Il citato triestino “furbo” se riusciva a percorrere i 400 metri della scorciatoia a 50 km/h sarebbe stato poco meno di 29 secondi. A 20 all’ora starà 72 secondi. Tra l’altro 72 secondi è esattamente il tempo di percorrenza utilizzando le provinciali, con un percorso di 1 km. Cambia la vita tanto da gridare allo scandalo?

Mi chiedo però se dall’articolo si capisca che le strade provinciali siano al di fuori delle modifiche. Anch’io, ad una prima lettura  pensavo, erroneamente, che il limite riguardasse anche quelle strade, sebbene pensassi che comunque non sarebbe stato drammatico.

Credo però che semplicemente chi ha scritto l’articolo, volutamente o per leggerezza, non abbia approfondito. In fondo bastava un disegno o magari farsi spiegare dall’assessore Marchigiani, che oggi puntualizza sul suo profilo Facebook, come stavano le cose.

Osservo che l’articolo riporta esattemente quanto viene descritto nella delibera, ma non trovo alcun comunicato stampa del Comune in merito, qualcosa che magari spieghi in maniera migliore e dettagliata.

Abbiamo a Trieste un giornale mediocre, ma mi pare che abbiamo un Comune incapace di comunicare.

Possibile che debba postare io una mappa di Prosecco da Dublino?

Tutti i diritti sono riservati. E ammessa solo la riproduzione parziale citando la fonte, o la pubblicazione di un estratto di massimo  10 righe con il  link all’articolo originale. Non è autorizzata la riproduzione completa.
Advertisements
This entry was posted in Il Piccolo, Trieste. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s