La “passeggiata” per ripulire il Viale a Trieste

Spero che a Trieste ci sia qualcuno che abbia voglia di presentare una denuncia per istigazione all’odio razziale nei confronti del Piccolo e di chi ha scritto il pezzo.
Spero ci sia qualcuno dell’amministrazione comunale che non faccia passare sotto silenzio che a Trieste si fanno delle ronde xenofobe, pur camuffate da passeggiate.

cvf-aca021a“Sta riscuotendo parecchie adesioni una proposta avanzata da un gruppo di triestini capitanato da Giorgio Degrassi, che prevede per lunedì prossimo, il 20 luglio alla 19.30 una passeggiata pacifica in Viale XX settembre con famiglie e bambini per ribadire la volontà di rendere accessibili a tranquille le tante aree della città. Il riferimento è evidente: i kossovari, che dalle prima indagini sembrano essere al centro anche del pestaggio ai danni di Raul fuori dall’Ausonia. In viale XX settembre infatti la presenza di kossovari e rumeni è costante. Stazionano nei pressi della fontana a dei Mascheroni, frequentano i locali della via. Intenzione del gruppo che sta organizzando l’iniziativa è quello di rimarcare la presenza sul territorio di pacifica gente italiana che vuole far ritornare la città a prova di bambini, giovani, mamme e anziani “senza paura di bande di ragazzini che mietano il territorio”, sostengono gli organizzatori.”

Questo è quanto apparso l’altro giorno sul Piccolo. A parte che degli articoli pur xenofobi potrebbero venir scritti in un italiano decente, è chiaro oramai che il Piccolo sta costruendo ed alimentando, continuo a pensare per stupidità ed ignoranza piuttosto che per disegno , una rapprsentazione di una città diversa da quella che in realta è.

Credo ci si debba porre il problema di un giornale che fa scrivere e pubblica un pezzo simile. Al Piccolo esistono anche giornalisti che hanno saputo maneggiare con cura ed attenzione le questioni dell’immigrazione. Perchè affidare pezzi simili ad una giornalista che si è dimostrata non saper parlare di queste cose in maniera serena e non di parte (o partito)?

La cosa bizzarra del pezzo è che i promotori, che per uscire sul Piccolo mantengono un basso profilo, si parla di una “passeggiata pacifica”, vengono superati a destra dalla giornalista che parla di “rimarcare la presenza sul territorio di pacifica gente italiana”, oltre ad accusare vergognosamente un intero popolo “i kossovari” di un episodio. Spero che a Trieste ci sia qualcuno che abbia voglia di presentare una denuncia per istigazione all’odio razziale nei confronti del Piccolo e di chi ha scritto il pezzo.

Ma veniamo alla manifestazione in se. E così pacifica come si vuol far passare?

Giorgio Degrassi l’organizzatore  è uno degli ultras storici della Triestina, così viene definito dal Piccolo che racconta di una sua aggressione al presidente della squadra (Vedi).
Gli Ultras triestini sono sempre stati vicini alla destra, c’era sintonia tra loro ed il Fronte della Gioventù che spadroneggiava nel Viale. Più che una manifestazione pacifica sembra quasi un amarcord, quando c’erano persone cui il viale era precluso dai piacchiatori fascisti.

degrassiMa come la pensa oggi Degrassi,, che si presenta su Facebook come “Bodigard“. L’ultimo post lo rappresenta bene. Va detto che il post è uno sfogo perchè a Treviso, a dare fuoco ai mobili dei “cessi” avrebbe voluto esserci lui ma “Grandi peca che non sin anda per problemi“.

L’idea della passeggiata nasce sulla sua pagina facebook, dopo che ha partecipato alla festa della pulizia etnica del decimo topolino. Scrive infatti, copio ed incollo;

“Sto organizzando con un paio di amici miei delle ronde ma neanche ronde le chiamiamo ma tranquillità in viale di sera perciò che le famiglie con i lori bambini vanno a mangiate il gelato in tutta tranquillità ho fare una passeggiata coi bambini chi a piacere a darci una mano mi scriva in privato buona serata trieste e non diamola vinta non avere paura non CI SIAMO”

Sui Topolini del resto Giorgio Degrassi aveva scritto

degrassiSpero ci sia qualcuno dell’amministrazione comunale che non faccia passare sotto silenzio che a Trieste si fanno delle ronde xenofobe, pur camuffate da passeggiate. Signor Sindaco, sarebbe opportuno facesse sentire la sua voce.

Advertisements
This entry was posted in Il Piccolo, Immigrazione, Trieste. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s