C’era una volta un albero. Monumento inutile a Trieste.

musoleraNei miei ricordi di bambino su quel muro ogni giorno che non piovesse c’era una donna seduta, suonava l’armonica. Probabilmente era Rosetta, liberata dal manicomio. La vedevi felice suonare, come quella sera in cui, nel parco di San Giovanni era salita sul palco e per un po’ aveva duettato con Ornette Coleman.  La ricordo felice con altre due amiche che, in piedi, ballavano alla sua musica.

Musolere - Foto Borsatti

Musolere – Foto Borsatti

Questo il mio ricordo di quando al posto di ciò che si nasconde sotto il telone blu c’era un albero. I più vecchi del rione la chiamavano “La musolera”. Era un platano che stava lì rigoglioso già a inizio 900, chiamato così perché sul  muretto di Rosetta si sedeva chi acquistava i “musoli”, delle conchiglie bivalvi  tipiche del mare triestino. Li vendevano ovunque come oggi le castagne. Le ultime musolere sono sparite nel 1967.

La “musolera” invece è sparita  l’anno scorso. I platani possono sopravvivere anche 200 anni ma probabilmente in un luogo più salubre che una rotonda in cui passano autobus ed automobili.  Così l’albero è stato abbattuto.

Per fortuna esistono le Circoscrizioni e così il Consigliere Edvard Peter Krapež del Partito Democratico si è subito attivato.  Ne è uscita un’iniziativa dal costo di 1900 euro, denominata “Abbracciamo un albero“.  Poteva ben chiamarsi “Abbracciamo una statua in legno“. Infatti sotto quel telone blu c’è una statua in legno ricavata dal tronco del platano che fu e che rappresenta, parole dell’artista Edoardo Coral, un “mussolo gigante con l’inserimento di una figura femminile” . L’artista, specializzato in sculture religiose, scelto con un concorso di cui però non si trova traccia, per fortuna non ha optato per la scultura di una “figura femminile con inserimento di un mussolo“. Probabilmente la Curia, che apprezza molto il suo lavoro, avrebbe avuto qualcosa da ridire.

Una domanda si pone e si pongono in tanti: ma 1900 euro non potevano essere utilizzati per ripiantare un albero?

Ringrazio Pierpaolo Saccari per la foto
Tutti i diritti sono riservati. E ammessa solo la riproduzione parziale citando la fonte, o la pubblicazione di un estratto di massimo  10 righe con il  link all’articolo originale. Non è autorizzata la riproduzione completa.
Advertisements
This entry was posted in Trieste. Bookmark the permalink.

8 Responses to C’era una volta un albero. Monumento inutile a Trieste.

  1. euro says:

    Sono sconcertato dall’abitudine del triestino di lamentarsi per qualsiasi modifica dei suoi soprammobili che devono rimanere li in eterno, salvo poi lamentarsi che non si fa mai niente di nuovo. Sempre gli stessi vedendo all’estero una realizzazione del genere commentano sulla bravura degli altri popoli e su come a Trieste “no se pol…”

    I 1.900 mi sembrano peraltro veramente pochi per una scultura realizzata sul posto dallo scultore che una volta pagate iva e tasse avrà lavorato per meno di cinque euro l’ora, comunque sempre i soldi spesi dall’amministrazione comunale devono sempre sembrare troppi da persone con competenze limitate…

    • creninsider says:

      Forse non si è capito che il senso era che un albero va sostituito con un albero e non con una scultura che costi 100 o 10.000 euro. Forse bisogna avere una capacità di comprensione non limitata. Saluti e grazie per l’intervento.

      • alesspro@yahoo.it says:

        Beh non siamo offensivi con chi ha opinione diverse dalle nostre!! Aspettiamo che inaugurino il monumento e dopo la gente si abituerà, e non si lamenterà più con la solita frase “potevano spender meglio o fare quello” . Io comunque sono sicuro che la scultura dell’artista Coral sarà sempre migliore della statua all’inizio di Viale XX Settembre o di Piazza Goldoni !!!

      • creninsider says:

        MI pare che sia stato offensivo il commento. In ogni caso era “ad personam”

  2. diego spazzali says:

    infatti verrà piantato un altro albero. di solito ci si informa bene e poi si parla

  3. scovaze says:

    L’albero “sostitutivo” è già stato piantato al centro dell’aiuola (in contemporanea con i lavori dello scultore!)… presumo che al servizio verde pubblico l’abbiano ritenuto un posto più adeguato rispetto alla vecchia posizione, direttamente lungo la corsia da quando, ormai una dozzina d’anni fa, hanno rifatto la viabilità della rotonda. Si può discutere sulla spesa di 1900 €, ma far polemica su un albero che andava abbattuto ed è già stato sostituito mi sembra proprio forzato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s